You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your experience.

Curiosità e approfondimenti sulla ceramica gres, il materiale più amato e utilizzato per la progettazione residenziale e commerciale contemporanea.

Il gres porcellanato è uno dei materiali più utilizzati nell’ultimo decennio nel settore edilizia e progettazione. La ceramica gresgres offre a professionisti e consumatori infiniti vantaggi tecnici e impeccabili qualità estetiche…talmente tanti che magari qualcuno rischia di passare inosservato o di non essere conosciuto.

È tempo di svelare tutti i piccoli segreti e plus di questo materiale così versatile e funzionale! Se stai pensando di rinnovare i pavimenti e rivestimenti del tuo appartamento, negozio o locale, investi qualche minuto per scoprire le 10 cose che forse ancora non conoscevi del gres Made in Italy!
 

Ceramica Gres

1. Un mondo di effetti, colori e finiture tutti da scoprire

Il gres porcellanato è in grado di riprodurre qualsiasi materiale naturale ed effetto estetico, arricchendolo di superiori proprietà tecniche. Tra tutti, il gres porcellanato effetto legno, è senza dubbio il prodotto più amato, grazie alla sua capacità di trasformare ogni ambiente in uno spazio accogliente, evitando gli spiacevoli inconvenienti del parquet in legno, molto più delicato, costo e difficile da manutenere e pulire.

Ceramica


Le superfici in gres possono reinterpretare perfettamente anche marmi preziosi, pietre naturali, cementi, resine e volumi tridimensionali. Il gres può rievocare perfino la maestria artigiana attraverso pattern retrò, irregolarità materiche, colori desaturati e smalti dall’applicazione volutamente imperfetta.

Insomma, la ceramica continua ad evolversi dal punto di vista tecnologico ed estetico per rispondere a qualsiasi gusto estetico, esigenza progettuale e nuova tendenza design. Come quello dell’Indoor Garden, che mira a riconnettere uomo-natura attraverso decori floreali, colori pastello o accenti vivaci, capaci di disegnare ambienti concilianti e revitalizzanti.

2. Un materiale... infinite possibilità di utilizzo!

Molti considerano la ceramica soltanto come pavimentazione da interno, per assicurare longevità e semplificare la pulizia quotidiana di uno spazio. In realtà le piastrelle sono la soluzione migliore per rivestire le pareti, in particolare quelle di ambienti sfidanti come la stanza da bagno o la cucina, dove c’è costante presenza di acqua, significativi livelli di umidità, frequenti sbalzi termici ed è richiesta massima igiene, resistenza alle muffe e facilità di pulizia.

Ma perché relegare i rivestimenti ceramici soltanto a queste zone? Grazie alla molteplicità di effetti, colori e pattern, le piastrelle possono essere utilizzate per donare carattere alla zona living, valorizzare nicchie o angoli anonimi della casa, realizzare interi spazi, anche commerciali, davvero accattivanti.

E per l’esterno? Sono disponibili proposte in finitura grip o strutturata e ceramiche spessorate, tutte studiate per garantire massima resistenza a carichi e agenti atmosferici, sicurezza antiscivolo e durevolezza in ambienti Outdoor, dove massime sono le sollecitazioni meccaniche e atmosferiche.

Ceramica

3. Le dimensioni… contano

Le piastrelle in gres porcellanato offrono non soltanto un’incredibile varietà di effetti, ma anche una vasta gamma di formati, dalle tradizionali piccole cementine alle grandi lastre ultra-sottili di recente introduzione, potendo così rispondere a qualsiasi esigenza progettuale. Il grande formato riesce a valorizzare a pieno le qualità estetiche dei materiali riprodotti su grès, creando un piacevole effetto di continuità visiva grazie al ridotto numero di fughe.

Le grandi lastre gres rappresentano la soluzione ideale per le ristrutturazioni residenziali e commerciali, anche di piccole dimensioni, perché riducono al minimo tagli, sfridi, tempistiche di installazione e possono essere posate sopra materiali preesistenti. Le piastrelle in piccolo formato, invece, permettono infiniti schemi di posa e si prestano a illusioni ottiche, combinazioni di colore e giochi di pattern sempre nuovi. Una scelta irrinunciabile per chi vuole ottenere un ambiente davvero unico e personalizzato!
 

4. Indoor e Outdoor? Mai così vicini!

Il gres porcellanato, grazie alla sua resistenza a sbalzi termici e scolorimento da raggi solari e agenti atmosferici, viene utilizzato frequentemente anche per rivestire spazi esterni, come giardini, terrazzi, verande o aree esterne comuni soggette ad intemperie.

Per le sue caratteristiche tecniche, il gres può essere considerato un materiale ubiquo, che può riproporre il medesimo look nei diversi ambienti interni ed esterni, creando una piacevole continuità cromatica e moltiplicando la percezione dello spazio. E se la vostra casa prende ispirazione dal nuovo trend Indoor Garden, con materiali e motivi green anche in interno, la distinzione tra dentro e fuori potrebbe davvero scomparire totalmente!

Ceramica

5. L’alleato perfetto per i tuoi ambienti

A differenza di altri materiali, più delicati e difficili da manutenere, la ceramica resiste a urti, graffi, abrasioni, prodotti chimici, calpestio e assicura massima sicurezza antiscivolo. Per questo è indicata per pavimentare e rivestire luoghi a frequente passaggio, come esercizi commerciali, bar, negozi e ristoranti, e perfino progetti più ampi e sfidanti come centri commerciali, uffici, aeroporti e strutture alberghiere.

La ceramica è uno dei materiali più resistenti e longevi: il tempo di vita medio è veramente impressionante, oltre vent’anni, e spesso quando si cambia un pavimento o rivestimento in gres lo si fa per assecondare un nuovo stile o gusto personale, più che per le condizioni di usura dell’intera superficie!

La ceramica è inoltre fra le soluzioni più igieniche e sicure per la salute, perché è inassorbente e, a differenza di altri materiali sintetici o tessuti, contrasta la proliferazione di muffe, funghi, batteri e sporco invisibile. Un vantaggio imprescindibile per la progettazione di ambienti come cucine, stanze da bagno, ristoranti, spa, centri medici e tutte le locations in cui vi è contatto con alimenti, costante presenza di acqua o necessità di massima salubrità o perfino sterilità totale.
 

Ceramica

6. Pulizie? Un gioco da ragazzi!

Oltre a resistere allo sporco, la ceramica è un materiale ultra igienico e semplice da pulire, a prescindere dall’effetto estetico o finitura prescelta: anche le piastrelle apparentemente ruvide al tatto e più materiche sono in realtà incredibilmente facili da pulire e trattare.

Per ottenere una resa estetica eccellente e superfici sempre impeccabili bisogna prestare attenzione principalmente alla pulizia di fine cantiere, una fase di fondamentale importanza per evitare che rimangano residui di stucco o sporco, che potrebbero creare una spiacevole patina superficiale.

Ma una volta eseguita questa prima pulizia più approfondita, la vita sarà decisamente in discesa: i rivestimenti in ceramica non richiedono alcun prodotto o trattamento specifico né  accessori per pulizia costosi e ingombranti. Ti basteranno acqua e un detergente neutro per avere ambienti sempre perfettamente puliti! Non ci credi? Consulta il nostro Manuale di pulizia e manutenzione!
 

7. La ceramica... non scherza col fuoco!

La ceramica è un materiale inerte, resistente al fuoco, e in caso di incendio non brucia e non emette fumi tossici. Per questa ragione è indicata come para schizzi dietro il piano cottura, come piano cucina dove si trovano liquidi o pentole calde e perfino a pavimento o rivestimento di un camino. Insomma la ceramica non teme fuoco, scintille…né gli incidenti degli aspiranti chef più maldestri!


8. Da sempre, amica dell’ambiente

Le piastrelle in ceramica non contengono plastica, sono totalmente inerti e non rilasciano VOC. Composte da materiali 100% naturali, di qualità e con una crescente percentuale riciclata, i rivestimenti ceramici rappresentano una delle scelte più sicure per la salute e sostenibili per l’ambiente.

Oltre ad assicurare massima longevità grazie alla loro resistenza, i pavimenti e rivestimenti in gres risultano riciclabili, riutilizzabili ad esempio come sottofondi stradali: in questo modo si riduce al minimo l’impatto ambientale della fase di smaltimento e fine vita. Un prodotto finale che rispetta l’ambiente, ma serve massima attenzione green anche per l’intero processo produttivo: per questo Marca Corona s’impegna ogni giorno, per riciclare il 100% degli scarti crudi e cotti, per riutilizzare in toto le acque reflue, nel differenziare i rifiuti e utilizzare imballi in carta erba o riciclati, pallet conformi alle norme FAO ISPM 15 e carta certificata FSC.


9. Giochi di colore

La ceramica è poliedrica, può assumere infinite tonalità, pattern grafici e sfumature materiche. Quando si pensa ai rivestimenti, ci si concentra sul colore della ceramica, ma spesso si dimentica un elemento decorativo altrettanto importante: il colore della fuga! Per realizzare un nuovo ambiente in linea con il proprio gusto personale, è indispensabile scegliere il colore di stucco corretto.

Normalmente si preferiscono stucchi tono su tono, ottenuti mischiando magari più tonalità per ottenere un tono esattamente identico a quello della piastrella. Si può scegliere una tonalità leggermente più chiara o più scura della superficie, modificando così la percezione di continuità della posa e di luminosità della superficie.

La scelta ton sur ton risulta per molti più rassicurante, destinata a piacere anche a distanza di tempo nella sua semplicità e coerenza. Ultimamente architetti e designer sembrano però voler giocare con lo stucco per dare un tocco più eccentrico e originale. Molti progetti contemporanei osano così con stucchi a contrasto, volutamente diversi al fondo ceramico, a volte opposti o complementari a quello delle superfici.

Ad esempio fugare un rivestimento bianco con un colore a contrasto, studiato per richiamare quello di altri elementi di arredo, permette di aggiungere un accento design al progetto e valorizzare nicchie e pareti magari un po’ anonime. Insomma, la scelta del colore – di ceramiche e fughe – fa davvero la differenza.

Ceramica

10.  Eccellenza tutta italiana

L’Italia detiene il primato assoluto nella produzione di ceramica: circa il 40% delle piastrelle in grès vengono infatti prodotte nel nostro Paese per poi essere vendute e apprezzate in tutto il mondo per qualità, stile e affidabilità Made in Italy!  E a proposito di stile ed eccellenza, chi meglio di Marca Corona può parlare di ceramica?

Marca Corona è l’Azienda ceramica più antica del distretto di Sassuolo, fondata nel lontano 1741: da 280 anni investiamo in innovazione, ricerca estetica, capitale umano e materie prime di qualità, per sviluppare prodotti ceramici all’avanguardia. capaci di anticipare le nuove tendenze stilistiche e rispondere alle esigenze progettuali più sfidanti.

Per questo i nostri pavimenti e rivestimenti ceramici vengono scelti ogni giorno da designers e architetti internazionali per realizzare progetti unici. Scopri quelli più futuristici e ambiziosi sul sito #ProjecteMotion, il nostro progetto di video racconti dedicatio alle referenze architettoniche più belle realizzate con le nostre superfici nel mondo.

E tu, quante di queste curiosità conoscevi già sulla ceramica? Scopri di più sulle nostre collezioni e su tutti i vantaggi della ceramica!

Aggiunto ai tuoi preferiti!
Rimosso dai tuoi preferiti!